Arriva a Roma Ray Holt, primo sviluppatore dell’ Internet of Things

Pubblicato il Pubblicato in IoT
internet of things

Arriverà a giorni a Roma Ray Holt, il primo sviluppatore dell’ Internet of Things, l’ingegnere che a fine anni ’60 progettò il primo microprocessore della storia, l´MP944, dedicato al controllo dei sensori e all’analisi dei dati di volo sui caccia americani F14 ,  progetto che all’epoca fu secretato dai militari e che riemerse solo nel 1998.

ray holtLa sua testimonianza scatena da sempre interrogativi e riflessioni sugli eventi che avrebbero potuto cambiare con largo anticipo il nostro presente. Ma sono comunque diversi i momenti significativi della vita di Ray Holt, che nella sua carriera ha contribuito alla creazione di molte altre tecnologie innovative, oltre a porre le basi per l’Internet of Things.

Ma cosa si intende per Internet of Things (IoT), tradotto, Internet delle cose?

Si tratta di un termine nato dall’esigenza di dare un nome agli oggetti reali connessi ad internet. Basti pensare ai droni, alle automobili intelligenti o ai robot, che stanno ormai entrando a far parte della nostra quotidianità. La previsione delle maggiori società di ricerca è che entro il 2020 si arriverà a oltre 25 miliardi di apparati IoT.

Sono passati quasi 50 anni da quando, nel 1969, Holt ed il suo team crearono il chip che permise la trasformazione digitale del controllo di volo. Il microprocessore faceva quello che noi oggi traduciamo come internet delle cose: interrogava i sensori, ne elaborava dati in hardware e dava risposte in tempi reali.

Nella sua biografia “The Accidental Engineer”, in uscita nei prossimi giorni, il progettista americano racconterà il perché di questo segreto e le sue esperienza di vita legate all’IoT, ponendo interrogativi e riflessioni sugli eventi che avrebbero potuto cambiare il nostro presente.

Oggi Holt ha un punto di vista tutto particolare anche sul futuro che ci attende. “Del domani temo l’eccessiva diminuzione di comunicazioni e relazioni dirette causate da un uso fuorviante della tecnologia. La mia speranza è che la tecnologia continui a migliorare le nostre condizioni di vita”.

Come anticipato in questo mese di Luglio c’è la possibilità di partecipare ad uno dei quattro eventi con Ray Holt, che si terranno in diverse location qui a Roma:

12 Luglio alle ore 16.00 presso il BicLazio Ferentino, incontro dedicato all’IoT nella vita d’oggi.

13 luglio alle ore 18.00 presso Luiss Enlabs, incontro basato sul tema “E se Holt fosse vissuto ai tempi di Elon Musk, fondatore ed ingegnere in PayPal, Space X, Tesla Motors, Hyperloop? Un paragone tra le due vite viene tentato da Leo Sorge, autore del libro “From Dust to the Nanoage”.

18 luglio dalle ore 10.00 alle ore 19.00 presso il Tecnopolo Tiburtino, giornata dedicata alla vera storia del computing domestico e personale nella casa delle start-up tecnologiche romane.

19 luglio alle ore 17.00 presso BicLazio Roma Casilino, giornata dedicata alla Robotica.

Se il passato, il presente e soprattutto il futuro dell’IoT vi affascina, Ray Holt vi potrà aiutare a capirne di più.


Vuoi scoprire tutte le nostre offerte di lavoro? visita la sezione Jobs del sito di Proxima Informatica


Segui sempre il nostro Blog e tieniti informato!

 
CondividiShare on FacebookEmail this to someoneShare on LinkedIn
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *